Caricamento in corso...

Informazioni e regolamento

Formazione professionale continua

(Nuovo Regolamento pubblicato nel Bollettino Ufficiale del Ministero della Giustizia n. 21 del 16 novembre 2020)

 

La formazione professionale continua (FPC), obbligatoria da gennaio 2014, riguarda tutti i giornalisti professionisti e pubblicisti iscritti all’Albo.

L’obbligo formativo decorre dal 1° gennaio successivo alla data della prima iscrizione all’Albo (poiché il triennio formativo è uguale per tutti il numero dei crediti da acquisire nel triennio è rapportato agli anni di formazione da svolgere).

La Formazione professionale è articolata su cicli triennali.

Il numero di crediti da acquisire in ogni triennio è calcolato sulla data della prima iscrizione all’Albo (all’elenco pubblicisti o all’elenco professionisti):
- gli iscritti all’Albo da meno di 30 anni devono acquisire 60 crediti (da distribuire su almeno due anni) di cui almeno 20 deontologici
 - gli scritti all’Albo da più di 30 anni devono acquisire soltanto 20 crediti (da distribuire su almeno due anni) di cui almeno 10 deontologici 

I giornalisti pensionati sono tenuti all’obbligo formativo solo se in attività.

 

Richiesta di esenzione annuale dall’obbligo formativo

E’ possibile presentare richiesta di esenzione annuale nei seguenti casi:

- maternità o congedo parentale
- malattia grave, infortunio e altri casi di documentato impedimento derivante da accertate cause oggettive
- assunzione di cariche elettive per le quali la vigente legislazione prevede la possibilità di usufruire di aspettativa di lavoro    per la durata del mandato e limitatamente ad esso

  (l’ottenimento dell’esenzione annuale comporterà la riduzione di 20 crediti sul totale)

 

Riconoscimento crediti

Richiesta riconoscimento di crediti per insegnamento di materie inerenti alla professione giornalistica in corsi o master universitari e in master o scuole riconosciute dal CNOG: 1 credito l’ora per un massimo di 16 crediti nel triennio.

Richiesta riconoscimento di crediti individuali (massimo 6 crediti nel triennio):

- deve riguardare un'attività formativa svolta nel triennio in corso
- deve essere presentata al proprio Ordine entro tre mesi dalla data riportata sull’attestato

La richiesta può essere presentata nei seguenti casi:

- corsi di aggiornamento professionale in lingua straniera
- corsi di formazione, aggiornamento e alta specializzazione su tematiche attinenti alla professione giornalistica
- corsi frequentati in università estere su tematiche giornalistiche.

 

Non è possibile chiedere il riconoscimento crediti per:

- pubblicazione di volumi
- corsi di formazione relativi alla sicurezza del lavoratore
- corsi ed esami universitari per il conseguimento della laurea
- docenze in scuole secondarie di secondo grado
- frequenza a corsi non approvati dal Cnog
- attività di relatore in congressi, convegni, corsi di alta formazione anche su argomenti giornalistici
- componenti di commissioni, gruppi di lavoro o a qualunque titolo incaricati dall'Ordine o da organismi di categoria

 

Crediti corsi aziendali: la frequenza di corsi aziendali accreditati permette l’acquisizione di crediti con un limite di 30 nel triennio.

L’offerta formativa è gestita attraverso la piattaforma SIGEF - https://sigef-odg.lansystems.it/Sigefodg/- alla quale ci si deve registrare per poter visualizzare tutti i corsi accreditati (frontali, online e a distanza, di tutti gli Ordini regionali, del Consiglio nazionale e degli Enti terzi formatori) e iscriversi a quelli di proprio interesse.

I nuovi corsi online del Consiglio nazionale sono disponibili sulla piattaforma della formazione giornalisti https://fpc.formazionegiornalisti.it/, accessibile anche dal sito del Consiglio nazionale www.odg.it. Al primo accesso è necessaria una nuova registrazione.

 

Indicazioni per la frequenza dei corsi frontali:

-i crediti attribuiti al corso saranno assegnati soltanto a chi segue l'intero evento (dall'ora di inizio all'ora di chiusura del corso). E' ovviamente previsto un minimo di tolleranza (10 minuti) e va da sé che per gli eventi di sole due ore la tolleranza sarà ancora minore.

-chi è impossibilitato a partecipare a un evento al quale si è iscritto dovrà cancellare l’iscrizione sulla piattaforma Sigef entro la mezzanotte del giorno precedente la data dell’evento. In caso contrario, dopo due assenze, l’iscritto confluirà nella blacklist e non potrà iscriversi ad altri eventi. Per sbloccare la propria posizione l’iscritto dovrà contattare il proprio Ordine regionale.